Statuto

AURO.it – Associazione Urologi Italiani

STATUTO

 

 

ARTICOLO 1 – Denominazione

L’Associazione Urologi Italiani (AURO.it) è una Associazione Scientifica cui partecipano i medici urologi italiani ed i cultori della materia.

ARTICOLO 2 – Scopi dell’Associazione.

L’Associazione si propone di migliorare la cura dei pazienti con malattie urologiche, attraverso la ricerca continua della qualità nel campo dell’urologia, e di difendere gli interessi morali, culturali e normativi della professione urologica.

L’Associazione si propone di valorizzare e promuovere l’attività scientifica dei propri Soci; anche attraverso la progettazione e l’erogazione di eventi formativi rivolti ai professionisti della sanità, nell’ambito del Programma Nazionale ECM (educazione continua in medicina) del Ministero della Salute.

Inoltre ha lo scopo di rappresentare e promuovere la specialità urologica nei confronti delle istituzioni e comunque di terzi; in particolare cura i rapporti con le altre Associazioni scientifiche, gli Organi Professionali e le Istituzioni in genere.

L’Associazione non ha finalità di lucro.

ARTICOLO 3 – Sede

L’Associazione ha sede legale in Pietra Ligure, Via Rossello, 24.

ARTICOLO 4 – Patrimonio e mezzi finanziari

Le risorse finanziarie dell’Associazione sono costituite da:

  1. quote d’iscrizione e contributi associativi;
  2. proventi derivanti da attività congressuali, di ricerca, di coordinamento di attività clinico – scientifiche, da prestazioni di servizi a favore di Soci o a favore di terzi; contributi volontari, lasciti, donazioni;
  3. rendite di patrimonio.

Tutti i beni e le entrate pervenute alla Associazione possono essere utilizzati esclusivamente per il perseguimento dei fini associativi. L’esercizio finanziario si chiude il 30 giugno di ogni anno.

ARTICOLO 5 – Soci.

I Soci si dividono in:

  1. Soci Ordinari
  2. Soci Corrispondenti

SOCI ORDINARI: sono Soci ordinari della Associazione i laureati in Medicina e Chirurgia, specializzati in urologia. Essi di diritto partecipano alle manifestazioni AURO.it., hanno diritto di voto e possono far parte degli organi dell’Associazione.

SOCI CORRISPONDENTI: sono Soci Corrispondenti della Associazione gli Urologi in formazione ed i cultori della materia non specialisti in urologia o comunque svolgenti attività professionale di interesse urologico. I Soci Corrispondenti non accedono alle cariche sociali e possono partecipare alle Assemblee senza diritto di voto.

ARTICOLO 6 – Modalità di iscrizione.

Nella domanda di iscrizione all’AURO.it deve essere specificato il titolo di studio, la qualifica, il ruolo e l’incarico, il settore od i settori di attività professionale e scientifica. L’accettazione delle domande è subordinata all’accoglimento della domanda stessa da parte del Consiglio Direttivo. I nuovi soci potranno esercitare il diritto di voto solamente in seguito all’accettazione dell’iscrizione da parte del C.D.

ARTICOLO 7 – Decadenza dalla qualifica di Socio.

Si decade da Socio per:

  1. dimissioni presentate per iscritto dall’associato;
  2. mancato versamento della quota sociale per due anni consecutivi; chi si riiscrive dopo due anni di morosità è considerato nuovo Socio e potrà esercitare l’elettorato attivo e passivo solamente in seguito all’accettazione della reiscrizione da parte del C.D.
  3. esclusione per gravi motivi, previa contestazione degli stessi all’interessato (la decadenza è pronunciata dal Consiglio Direttivo, a maggioranza).

ARTICOLO 8 – Organi della Associazione

Sono organi della Associazione:

  1. l’Assemblea Generale;
  2. il Consiglio Direttivo (Comitato Esecutivo e Rappresentanti Regionali);
  3. i Revisori dei Conti;
  4. il Collegio dei Garanti;

ARTICOLO 9 – ASSEMBLEA GENERALE

  1. L’Assemblea Generale rappresenta il massimo organo deliberativo dell’Associazione. Essa è formata da tutti i Soci in regola con il pagamento delle quote sociali; viene convocata dal Presidente che fissa la sede e l’ordine del giorno della riunione, in via ordinaria una volta l’anno e in via straordinaria ogni qualvolta il Consiglio Direttivo lo ritenga opportuno oppure quando ne sia stata fatta richiesta motivata da almeno un quinto dei Soci Ordinari.
  2. La convocazione dell’Assemblea Generale da parte del Presidente dovrà essere fatta mediante comunicazione scritta dell’Ordine del Giorno, da inviarsi con quindici giorni di preavviso ai Soci Ordinari, mediante gli organi di stampa dell’Associazione o e-news di posta elettronica. I partecipanti all’Assemblea possono proporre la discussione di argomenti non inclusi nell’o.d.g. alla voce varie ed eventuali; tutti gli argomenti discussi in questa voce non possono essere posti in votazione.
  3. Delle riunioni dell’Assemblea Generale viene redatto processo verbale a cura del Segretario.
  4. Hanno diritto di voto i Soci Ordinari presenti in Assemblea. L’Assemblea Generale, regolarmente convocata, in prima convocazione è valida con la presenza di metà degli associati, in seconda convocazione è valida qualunque sia il numero dei presenti.
  5. Modalità di votazione in occasione dell’elezione degli Organi dell’Associazione:
    • l’Assemblea delibera a maggioranza semplice dei presenti.
    • L’Assemblea stabilisce i termini di apertura e chiusura delle operazioni di voto presso il seggio elettorale.
    • per l’elezione, tra i Soci Ordinari, del Consiglio Direttivo, formato dal Comitato Esecutivo (Presidente, Vice Presidente, Segretario, Tesoriere) e dai Rappresentanti delle Regioni, la votazione, a scrutinio segreto, prevede due schede di votazione:
      • la prima scheda per l’elezione del Comitato Esecutivo, con il sistema delle liste contrapposte, sulla quale vengono riportati i nominativi dei singoli candidati e i loro incarichi, per ciascuna delle liste in competizione. Sono eletti tutti i candidati della lista che ottiene maggiori suffragi.
      • la seconda scheda per l’elezione dei Rappresentanti delle Regioni, sulla quale vengono riportati i nominativi dei singoli candidati a rappresentante di ciascuna sezione regionale: ciascun Socio riceverà al seggio la scheda relativa alla propria sezione regionale di appartenenza.

    Per esercitare l’elettorato attivo e passivo in occasione della votazione degli Organi della Associazione, è necessario essere Socio Ordinario, in regola con il pagamento della quota sociale (come previsto dall’art.7 del presente Statuto e art.3 del Regolamento).

  6. Termini e modalità di presentazione delle candidature:
    1. le liste dei candidati per l’elezione del Comitato Esecutivo e le singole candidature a rappresentante regionale, dovranno pervenire alla Sede AURO.it, a mezzo raccomandata, almeno 30 giorni prima del giorno in cui è convocata l’Assemblea Generale per l’elezione degli Organi dell’Associazione;
    2. in ciascuna lista di candidati al Comitato Esecutivo devono essere indicati quattro nominativi ed i rispettivi incarichi previsti per ciascuno di essi;
    3. il documento deve essere sottoscritto dai quattro candidati per accettazione della candidatura ed almeno da dieci Soci Ordinari, in qualità di Soci presentatori;
    4. i Soci presentatori non possono essere contemporaneamente anche candidati all’elezione degli Organi dell’Associazione;
    5. i candidati all’elezione di Rappresentante Regionale debbono presentare personalmente, con le stesse modalità di cui sopra, la richiesta della propriacandidatura e il documento deve essere sottoscritto dal candidato;
    6. i Soci, candidati all’elezione degli Organi dell’Associazione, debbono fornire un’autocertificazione in cui dichiarano di non essere iscritti ad altra associazione scientifica urologia nazionale in palese conflitto di interesse con AURO.it, da inviare in allegato alla presentazione di candidatura;

I Soci Ordinari, in regola con il pagamento della quota sociale, possono essere interpellati ad esprimere il loro voto su singoli argomenti anche per posta.

ARTICOLO 10 – Poteri della Assemblea Generale.

I poteri della Assemblea Generale sono:

  1. approvare il bilancio e la relazione finanziaria annuale;
  2. fissare le direttive generali utili per il raggiungimento degli scopi statutari della Associazione;
  3. ratificare la relazione annuale del Presidente e quanto proposto dal Consiglio Direttivo;
  4. eleggere il Consiglio Direttivo (Comitato Esecutivo: Presidente, Vice Presidente, Segretario, Tesoriere e Rappresentanti delle Regioni), secondo quanto stabilito all’art. 9;
  5. deliberare in merito alle proposte di modifica dello Statuto;
  6. deliberare in merito alle proposte ed agli argomenti indicati nell’ordine del giorno della Assemblea.

Le delibere dell’Assemblea Generale sono prese a maggioranza semplice, salvo quanto contemplato negli articoli 19 e 20 del presente Statuto.

ARTICOLO 11 – Consiglio Direttivo (Comitato Esecutivo e Rappresentanti Regionali).

Il Consiglio Direttivo (C.D.) è composto di diciotto membri così suddivisi:

  • cinque componenti il Comitato Esecutivo (Presidente, Past-President, Vice -Presidente, Segretario e Tesoriere)
  • tredici Rappresentanti delle Regioni.

Tutti i membri elettivi vengono votati in occasione del Congresso Nazionale, con voto assembleare tra i Soci Ordinari nell’Assemblea Generale, con le modalità previste al precedente art. 9; il Presidente uscente è membro di diritto e diviene Past-President.

Il C.D. dura in carica tre anni.

Il C.D. viene convocato dal Presidente in via ordinaria e in via straordinaria quando il Presidente lo ritenga necessario o su richiesta di almeno un terzo dei propri componenti.

Il C.D. si intende legalmente costituito quando siano presenti almeno nove componenti: tra questi devono essere presenti il Presidente o il Vice Presidente.

Partecipano al C.D., senza diritto di voto, i funzionari ed i collaboratori invitati.

Il C.D. delibera validamente a maggioranza semplice dei votanti; in caso di parità, prevale il voto del Presidente (o, in sua assenza, del sostituto).

Il Comitato Esecutivo viene convocato dal Presidente, si intende legalmente costituito quando siano presenti almeno tre componenti e delibera a maggioranza dei presenti.

Il Comitato Esecutivo può prendere provvedimenti d’urgenza sulle materie di competenza del C.D., riferendo in argomento alla prima seduta utile del C.D..

Nel caso si renda vacante un posto nel Comitato Esecutivo, il Presidente provvede alla sostituzione per cooptazione; nel caso si renda vacante un posto di Rappresentante Regionale, il Presidente provvede alla sostituzione con il primo dei non eletti della stessa Sezione Regionale resasi vacante, oppure, in mancanza, per cooptazione.

ARTICOLO 12 – Compiti del Consiglio Direttivo.

Compiti del Consiglio Direttivo sono:

  1. guidare ed amministrare l’Associazione
  2. promuovere ogni iniziativa volta al conseguimento delle finalità dell’Associazione
  3. stabilire in base alle proposte dei Soci, le Sedi ed i temi di lavoro delle manifestazioni congressuali
  4. proporre l’ammontare delle quote associative annuali
  5. deliberare in merito alla iscrizione e alla decadenza dei Soci
  6. proporre modifiche statutarie ed emanare regolamenti.
  7. nominare, tra i dipendenti e i collaboratori dell’Associazione, i componenti del seggio elettorale, che sovrintende alle elezioni degli Organi dell’Associazione e che effettua la verifica poteri circa la qualifica di Socio Ordinario, in base all’elenco ufficiale dei Soci redatto dalla Segreteria Generale; come espressamente previsto nel Regolamento.
  8. Il C.D. è investito dei più ampi poteri di amministrazione ordinaria e straordinaria dell’Associazione, senza altre limitazioni se non quelle derivanti dalla Legge e dal presente Statuto. Il C.D.può delegare in tutto o in parte i propri poteri ad uno o più dei suoi membri, con facoltà di subdelega. Il C.D.può nominare Procuratori per singoli atti o per determinate categorie di atti.

ARTICOLO 13 – Presidente e Vice Presidente.

Il Presidente rappresenta l’Associazione di fronte ai terzi ed in giudizio; convoca e presiede l’Assemblea Generale, il Consiglio Direttivo ed il Comitato Esecutivo, cura l’esecuzione delle loro deliberazioni, adotta i provvedimenti d’urgenza.

Provvede alla sostituzione degli eventuali posti vacanti nel Consiglio Direttivo.

Per il compimento degli atti pertinenti all’esercizio d’impresa, in particolare gli atti di ordinaria amministrazione relativi all’attività commerciale dell’Associazione e gli atti per sovrintendere alla gestione del personale il Presidente potrà avvalersi dell’opera di persone esterne all’Associazione, i cui compiti e le cui retribuzioni saranno deliberate dal Consiglio Direttivo.

In caso di impedimento del Presidente o di assenza temporanea dello stesso, ne svolge le funzioni il Vice -Presidente.

ARTICOLO 14 – Segretario

Il Segretario tiene aggiornato l’Albo dei Soci, dirama gli avvisi delle riunioni del Consiglio Direttivo, del Comitato Esecutivo e dell’Assemblea Generale; registra le presenze alle suddette riunioni, compila e conserva i verbali delle stesse.

In caso di impedimento del Segretario o di assenza temporanea dello stesso, ne assume le funzioni il Tesoriere, con gli stessi poteri ed attribuzioni.

ARTICOLO 15 – Tesoriere

Il Tesoriere è incaricato di curare l’esazione delle quote e dei contributi associativi e di quanto altro derivante all’Associazione in ragione della sua attività.

Il Tesoriere redige il bilancio e la situazione finanziaria annuale, da presentare per l’approvazione, alla Assemblea Generale, tiene la contabilità, tiene l’inventario aggiornato del patrimonio mobiliare ed immobiliare dell’Associazione, anche giovandosi di consulenti esterni.

In caso di impedimento del tesoriere o di assenza temporanea dello stesso, ne assume le funzioni il Segretario, con gli stessi poteri ed attribuzioni.

ARTICOLO 16 – Sezioni regionali

Vengono individuate tredici sezioni regionali (singole regioni o raggruppamenti regionali), ciascuna delle quali nomina un proprio Rappresentante  nel Consiglio Direttivo:

  • Abruzzo, Marche, Umbria, Molise
  • Calabria
  • Campania, Basilicata
  • Emilia Romagna
  • Lazio
  • Liguria
  • Lombardia
  • Piemonte, Valle d’Aosta
  • Puglia
  • Sardegna
  • Sicilia
  • Toscana
  • Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige

I Rappresentanti delle Regioni, oltre ai compiti propri di un componente del Comitato Direttivo, hanno il compito di promuovere l’attività  dell’AUROit nella propria sezione regionale  mediante apposite iniziative scientifiche e continui rapporti interpersonali. Ha inoltre il compito di rappresentare l’AUROit nei confronti delle istituzioni regionali. Nei loro compiti possono avvalersi (nel caso di sezioni regionali particolarmente vaste) di Delegati Regionali, la cui nomina , numero e funzioni sono interamente stabiliti dal Rappresentante stesso.

ARTICOLO 17 – Revisori dei Conti

Il controllo della gestione dell’Associazione è esercitato da uno o più Revisori dei conti nominati all’esterno del C.D.da quest’ultimo, fra le persone in possesso dei requisiti prescritti dalla Legge per l’assunzione della carica di sindaco di società di capitali.

Il Revisore dei conti sarà nominato annualmente; in caso di impedimento si provvederà alla nomina di un sostituto.

Le funzioni, i poteri e le responsabilità dei Revisori dei conti sono quelli determinati dagli articoli 2403 e seguenti del Codice Civile, in quanto applicabile.

ARTICOLO 18 – Collegio dei Garanti

I Soci che hanno legalmente costituito l’A.UR.O. (Rogito notarile n.29795 di repertorio n.4081 di raccolta del 27/01/94) e che siano correntemente Soci Ordinari, formano il Collegio dei Garanti cui vengono attribuiti i seguenti compiti istituzionali di garanzia:

  1. su proposta dell’Assemblea, a maggioranza del 2/3 dei propri componenti, delibera l’eventuale trasferimento della sede sociale;
  2. vigila sull’andamento generale dell’AURO.it affinché vengano sempre perseguite le finalità per cui si è costituita l’Associazione.

ARTICOLO 19 – Modifiche statutarie.

Il presente Statuto può essere modificato su proposta all’Assemblea Generale, del C.D.o di almeno un quinto dei Soci Ordinari. Le modifiche di Statuto devono essere approvate a maggioranza assoluta dei presenti all’Assemblea Generale. Tale approvazione può avvenire anche per posta, come previsto dall’art. 9.

ARTICOLO 20 – Scioglimento.

Si potrà deliberare lo scioglimento della Associazione con delibera dell’Assemblea Generale, a maggioranza assoluta dei Soci Ordinari in regola, nelle forme di votazione previste nei precedenti articoli di Statuto.

In caso di scioglimento i beni dell’Associazione saranno devoluti ad altra Associazione Nazionale affine o a Ente designato dall’Assemblea, non aventi scopo di lucro.

ARTICOLO 21

Per quanto abbia riferimento con le norme di legge e che non sia previsto dal presente Statuto,  e dal Regolamento che disciplina l’applicazione dello Statuto, lo svolgimento delle attività e delle iniziative di AURO.it, valgono le disposizioni di legge in materia di Associazione.

ARTICOLO 22 – Norme finali

L’approvazione del presente Statuto annulla e sostituisce tutte le norme statutarie precedenti.