PROSTATECTOMIA RADICALE. UN TRATTAMENTO STANDARD

 

Lo studio di Bill-Axelson pubblicato sul NEJM nel 2005 è al momento l’unica prova di discreta qualità scientifica della superiorità della prostatectomia radicale (RP) contro la sola osservazione ovvero la terapia ormonale alla progressione metastatica. I risultati pubblicati si riferivano a una mediana di 8.2 anni di follow up e dimostravano un incremento della sopravvivenza libera da metastasi, cancro specifica e per ogni causa nei pazienti sottoposti a PR. Al di là delle criticità della metodologia, il principale limite dello studio era proprio il tempo. Trattandosi di una neoplasia, nella maggioranza dei casi, con una storia naturale piuttosto lenta, ci si domandava se questi risultati sarebbero rimasti tali a lungo termine. La pubblicazione di un aggiornamento dello studio quest’anno sul J Natl Cancer Inst mette in luce un aspetto interessante. Dei 347 e 348 soggetti rispettivamente randomizzati a PR o osservazione, alla fine del 2006, dopo 12 anni di follow up, 137 e 156 erano deceduti per una mortalità cumulativa rispettivamente del 32.7% e 39.8%. La differenza non era statisticamente significativa (intervallo di confidenza al 95% -0.5 – 14.7%). 47 uomini erano morti di cancro alla prostata nel gruppo sottoposto a chirurgia contro i 68 in osservazione. La mortalità cancro specifica cumulativa era rispettivamente il 12.5% e 17.9%. La differenza in questo caso era significativa (intervallo di confidenza al 95% 0.2 – 11.1%). Il rischio relativo a 12 anni di morire per cancro alla prostata dopo PR era quindi di 0.65 rispetto ai soggetti sottoposti ad osservazione. In conclusione i benefici della PR sembrano persistere a lungo termine nonostante la differenza di mortalità per ogni causa non raggiunga la significatività statistica.

 

Bill-Axelson A, Holmberg L, Filén F, Ruutu M, Garmo H, Busch C, Nordling S, Häggman M, Andersson SO, Bratell S, Spångberg A, Palmgren J, Adami HO, Johansson JE; Scandinavian Prostate Cancer Group Study Number 4. Radical prostatectomy versus watchful waiting in localized prostate cancer: the Scandinavian prostate cancer group-4 randomized trial. J Natl Cancer Inst. 2008 Aug 20;100(16):1144-54.